News

“Aborto, dopo più di 40 anni ancora troppe violazioni della legge 194”

di Emma Bonino

Dopo più di 40 anni, penso che l’adozione della Legge 194, pur intrisa di gravi limitazioni o persino ipocrisie, sia stata di fondamentale importanza, per evitare alle donne il dolore e l’umiliazione dell’aborto in clandestinità.

Ancora adesso andrebbero eliminate sacche di discriminazione, vere e proprie violazioni di legge, ma io credo che sia stata una legge positiva, visto lo stesso declino del ricorso all’aborto, come i numeri dimostrano.

Oggi, a ricorrere a questo strumento sono soprattutto le donne immigrate: quelle che hanno meno accesso ai servizi sanitari, alla contraccezione..

E serve, da una parte, mettere un argine all’obiezione di coscienza di massa, che spesso non è di coscienza ma di carriera, e, dall’altra, fare più attenzione alle innovazioni scientifiche, per esempio all’aborto farmacologico, in un momento in cui, peraltro, il covid-19 spaventa troppo e induce a non rivolgersi come prima alle poche, a dire il vero, strutture sanitarie dove non ci sono obiettori.

Vengo attaccata spesso sui social perché con la battaglia per arrivare a quella legge avrei determinato la morte di migliaia di bambini.

Ma si è trattato di contrastare l’aborto clandestino. Se una donna non può o non vuole portare avanti una gravidanza ha, grazie a questa legge, uno strumento, l’ultimo che le donne scelgono per la verità, o dovrebbero scegliere, perché comunque è un trauma, magari non medico ma emotivo. Per questo dobbiamo lottare per andare avanti per una piena attuazione.

Condividi su