Prime donne

Chi Siamo

 

PRIME DONNE – Un altro genere di politica, è un progetto che intende promuovere un nuovo modo di “fare politica”, oltre ai modelli e agli stereotipi attuali di comunicazione e interazione.
 
PRIME DONNE è una ricerca che si interroga sul se e come l’identità di genere abbia ancora un ruolo nel determinare una carriera politica e le modalità odierne di fare politica.

PRIME DONNE è una scuola di formazione politica, la prima rivolta a donne anche non iscritte a +Europa. E in fututo chissà, anche a uomini interessati ad un nuovo modo di fare politica.

PRIME DONNE è un laboratorio di politiche pubbliche, non solo politiche rivolte alle donne, ma anche di politiche generaliste, nella consapevolezza che la maggior parte delle politiche pubbliche hanno anche un impatto di genenere.

 
 

Perché crediamo che certi schemi tipici della politica e della comunicazione pubblica italiana scontino ancora il poco coinvolgimento femminile, in un paese in cui le donne hanno potuto avere un ruolo attivo in politica da soli 75 anni a fronte di millenni di politica fatta da uomini.

 
Perchè l’Italia rimane un paese che ha ancora un posizionamento estremamente basso negli indici internazionali di parità di genere (World Economic Forum e European Gender Equality Institute). Il grado di inclusione politica è quello più lontano dalla soglia di parità, mentre il livello d’istruzione è il più vicino. L’Italia si trova al 70° posto su 149 Stati combinate le varie dimensioni della parità (politica, economia, salute, istruzione).
 
Perché a una maggior presenza numerica delle donne in politica, “nonostante le quote”, non ha corrisposto un maggior peso politico delle donne, soprattutto a livello di leadership di partiti e movimenti. Perché c’è bisogno di sapere come uscire dalle quote.
 
Perché il fatto che le donne non si interessano di politica è un mito, mentre è vero che la struttura attuale della politica e della società italiana inibisce la partecipazione di chi politica vorrebbe fare.

 

Coordinatrici della scuola di politica:

 

Costanza Hermanin è la testa e il cuore di #PrimeDonne – un altro genere di politica. Ha lavorato in giro per il mondo fino al 2016, quando è rientrata in Italia per un incarico con il governo di allora ed è stata travolta dalla questione della disparità di genere. Da sempre insegna in varie università europee il funzionamento dell’Unione europea e temi di politica pubblica. Attivista e fondatrice di varie associazioni, ha lavorato dieci anni come lobbista dei diritti umani per Open Society Foundations. Colpita dalla politica nel 2018, è stata candidata alle ultime elezioni politiche ed europee.

Ilaria Donatio, giornalista e scrittrice, ha scritto “Opus Gay. La chiesa cattolica e l’omosessualità,” un’inchiesta su omofobia e morale sessuale cattolica e ha fondato “gnamglam,” un blog su cibo, cultura e territori. Si interessa da sempre di difesa dei diritti civili, ambiente e territorio e collabora con Più Europa.

Nicole Rubano, sta terminando gli studi in Scienze Politiche nel corso dei quali si è appassionata e specializzata in politiche di genere e LGBT+. Da un anno si dedica a progetti del settore e, in parallelo, approfondisce il tema del lavoro di cura a livello globale.

Carlotta Elena Osti, ha terminato gli studi in European Studies nel corso dei quali si è specializzata in politiche europee e appassionata di politiche di genere e movimenti sociali.

 

Seguici su Facebook su Instagram e su Twitter

Scarica la presentazione di PRIME DONNE